A bocce ferme è tutto chiaro! Con euro dimezzati stipendi e pensioni

vaselinaAdesso che sono passati un bel po’ di anni dall’avvento dell’euro, dopo esserci esercitati in vari raffronti tra il potere d’acquisto della lira e l’euro, dopo aver raggiunto i posti più bassi nelle classifiche di civiltà dei Paesi civili e incivili, dopo centinaia di suicidi di operai senza lavoro e lavoratori autonomi, dopo che ci hanno aumentato l’età della pensione dalla sera alla mattina lasciandoci in molti in mezzo al guado, quindi senza stipendi nè pensioni, dopo aver constatato i furti fatti alle ns spalle dai vari Batman della partitocrazia, dopo che la partitocrazia ha fatto finta di scandalizzarsi ma solo a furti scoperti, dopo che i partiti perdenti le elezioni (con dieci milioni di elettori in meno) si sono messi insieme dopo decine d’anni di sputi in faccia per salvare il salvabile dal loro punto di vista di lestofanti, etc etc etc… poossiamo fare i conti della serva e constatare con la prova del nove che ci hanno fregati bellamente con l’imposizione dell’euro.

Se una casa prima ci costava circa 200 milioni di lire e adesso costa 200 mila euro, un’auto media costava 12/15 milioni adesso costa 12/15 mila euro, e così via, mentre gli stipendi prima erano di circa 2 milioni e adesso sono di circa mille euro si capisce molto facilmente che la manovra euro è servita a dimezzare gli stipendi dei lavoratori.

E con la scusa della crisi adesso costringono anche ad accettare “contratti di solidarietà” dicono per non dover licenziare dipendenti. Nell’azienda dove lavoravo io è stato fatto ciò e i miei ex colleghi adesso percepiscono il 30/40% in meno di stipendio, che aggiunto al dimezzamento del valore dello stipendio causato dall’euro (come dimostrato più sopra) è ormai un’elemosina.

Questo vogliono, che noi si accetti in elemosina quello che ci è dovuto in dignitosi stipendi. E tutto questo con la complicità dei sindacati che troppo tardi ci stiamo accorgendo che la loro unica funzione la potrebbe svolgere molto meglio un semplice olio di vasellina, perchè è quella di permettere alla casta di mettercela in quel posto.

E voi continuate bellamente a votarli, stupidi esseri che non siete altro.

IL CRONISTA

A bocce ferme è tutto chiaro! Con euro dimezzati stipendi e pensioni

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a A bocce ferme è tutto chiaro! Con euro dimezzati stipendi e pensioni

  1. ftogno scrive:

    Di sicuro io gli stronzi di cui sopra non li voteró mai più

  2. IL CRONISTA scrive:

    Puoi starne certo, neppure io, caro Fabio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*