La legge no, ma il debito pubblico sì che è uguale per tutti

 

amatoQuella della legge che è uguale per tutti è una grande barzelletta, e ne abbiamo continue conferme anche in questi giorni vedendo come viene trattato il condannato al 3° grado di giudizio Berlusconi, che tra l’altro si può permettere impunemente di far sorvolare le spiagge degli Italiani in vacanza con i suoi aeroplanini pubblicitari coi quali si invitano i cittadini a sostenere un condannato, lui.

Evidentemente per gli altri cittadini che avrebbero subito torti dalla giustizia la legge è meno uguale in quanto non possono permettersi il cospicuo costo degli aeroplanini coi relativi piloti e relativa macchina organizzatrice della propaganda. Senza contare le certe multe e cazziatoni vari delle varie Boldrini, i vari Napolitano, a integerrima difesa delle istituzioni, che noi senza alcun minimo dubbio ci beccheremmo, al contrario di chi coi soldi e il potere propagandistico tutto può.

Ma c’è una cosa che mi consola, invece, ed è il fatto che per quanto riguarda la responsabilità del debito pubblico italiano, quella sì che è attribuita a tutti indistintamente. Infatti come è noto io nella mia vita ho arraffato tanto come Burlesquoni, Minchionne e i loro simili ed è altrettanto vero che la mia sudata e misera pensione equivale a quella di un Giuliano Amato qualsiasi (appena nominato anche giudice della corte costituzionale dal ns esimio presidente della repubblica, invece di essere mandato a morire ad Hammamet in qualità di Dr. Sottile di Craxi).

E poi dicono male della democrazia che abbiamo in Italia.

IL CRONISTA

La legge no, ma il debito pubblico sì che è uguale per tutti

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a La legge no, ma il debito pubblico sì che è uguale per tutti

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Napolitano è un baluardo della casta. Possibilmente di sinistra. Solo che qualcuno dovrebbe spiegargli che la sinistra non esiste più da decenni.

    Pertini e Berlinguer si stanno rivoltando nelle tombe.

    p.s.: stavo pensando a una cosa… ma la Boldrini ormai la manterremo a vita? anche Vendola? fra tutti quelli che vediamo ogni giorno in tv quanti smetteranno di fare pollitica e cesseranno di farsi mantenere? e Renzi? se penso che manterrò a vita quel buliccio di Scalfarotto mi sento male!

  2. IL CRONISTA scrive:

    Non vorrei infierire su di te, caro Gert, ma penso proprio che stiamo mantenendo a vita anche una certa Minetti, se non erro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*