Dalle “convergenze parallele” al “diversamente berlusconiani”

santanchè-pascale1(Questo articolo si può ascoltare su YouTube)

Ci ha provato, forte della sudditanza e della riconoscenza mafiosa per  essere stati miracolati che i suoi deputati e ministri gli hanno sempre dimostrato. …Ci ha provato a staccare la spina al governo di Enrico Letta e di Angelino Alfano… Ma questa volta, con una giravolta finale degna del miglior Fred Astaire, ha dovuto desistere dall’intento. I suoi miracolati, molti, i più coraggiosi, gli si sono rivoltati contro. Hanno avuto il coraggio di dire no. Hanno avuto il coraggio d’inventare la formula “Diversamente Berlusconiani”, che ricorda tanto le vecchie formule democristiane tipo “Le convergenze parallele” di Aldo Moro e che in realtà ha tutta l’aria di essere soltanto un rifiuto di continuare a portare a spasso il cagnolino Dudù per iniziare a portare a spasso la Pascale (di cui abbiamo una diapositiva).

Si potrebbe pensare che sia un passo avanti del Pdl? Mah! Con la gente che ha partecipato a questo piccolo golpe, direi tranquillamente di no. Ci vuole altro per fare riacquistare al centro-destra una certa dignità che si è persa per strada per via della gente che s’è imbarcata nel tempo e dei tradimenti perpetrati nei confronti delle classi meno abbienti.

Resta il fatto, indiscutibile, che Berlusconi che è andato per gabbare è rimasto gabbato e s’è dovuto arrendere e ridare la fiducia al governo Letta, dopo avergliene detto dietro peste e corna con la scusa dell’iva, che in realtà era solo una sporca e piccola ripicca per i suoi problemi giudiziari personali.

Spero che questa volta l’ex cavaliere si renda conto di essere stato disarcionato, e di avere stufato tutti, o quasi, a parte i pidiellini terminali. Ma per questi non c’è nessuna cura.

IL CRONISTA

Dalle “convergenze parallele” al “diversamente berlusconiani”

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

6 risposte a Dalle “convergenze parallele” al “diversamente berlusconiani”

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    D’accordo su tutto.
    Proprio nel momento in cui Berlusca cominciava ad essermi simpatico perchè voleva mandare a casa Letta i DC del PDL si sono alleati coi DC del PD e l’hanno fatto fuori.
    Certo che il Berlusca è finito, ma forse anche no. Mantiene intatta tutta la potenza mediatica: le tv influenzano, eccome!

    Ora però non potremo più neanche parlare di inciuci, visto che il partito dominante è uno solo, cioè la DC.

    Sarà meglio o peggio?
    Mah… staremo a vedere, io sono pessimista.

  2. Massimo scrive:

    Un voltafaccia inguardabile. Da Forza Italia a Forza Nuova … 🙂

  3. IL CRONISTA scrive:

    Gert, una DC frutto di un inciucio. Per quanto riguarda la potenza mediatica, sì, è vero, la mantiene, ma penso con sempre minore efficacia, se è vero com’è vero che il pubblico di riferimento di Mediaset è il target che guarda la D’urso… Ma mi dirai.. votano anche quelli, è vero. Non sarebbe l’ora che a votare ci vada solo chi supera un piccolo esame di cultura? Almeno come fanno per fare le selezioni del grande fratello? Che trovi quelli che gli daresti degli schiaffoni e li rimanderesti alla prima elementare con le orecchie da asino? Ma che cazzo vuoi che votino quelli, se non per Berlusconi?

  4. IL CRONISTA scrive:

    Massimo, in quel caso ti capirei di più, assolutamente. Lasciamelo dire: non sei un tipo da Berlusconi. Tu pensi di difendere una destra, ma il pdl non è una destra, è un covo di brutta gente opportunista, di nani e ballerine (nel vero senso della parola) e sai benissimo che ci sono caduto anch’io per molto tempo, anche se l’ho presa sempre con le pinze. Di FN non approvo il razzismo, per il resto meglio 100 volte del pdl.

  5. Gert dal Pozzo scrive:

    Sul fatto che bisognerebbe limitare il diritto di voto sono assolutamente d’accordo.
    Solo che tutte le volte che lo dico mi danno del bastardo nazista razzista e antidemocratico.
    Qualcosa la azzeccano: effettivamente ritengo la democrazia una gran belinata.
    Ma so che non devo dirlo in giro, perciò rimanga tra me e te.

  6. IL CRONISTA scrive:

    Tranquillo Gert! Siamo solo noi a leggere questo blog.
    Anche per me la democrazia è una gran belinata, ma sempre meglio che una parte di umanità sia dittatrice nei confronti di chi non la pensa come lei. Anche perché non è detto che a comandare sarebbe la ns parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*