Forza Italia vent’anni dopo, ma l’autore non è Dumas

(Versione video)

Nel 1994 un ricco imprenditore del settore dei media, certo Silvio Berlusconi, preoccupandosi di un’Italia ormai senza centro-destra, e con l’evidente voglia di scendere in campo nella politica, fondò un nuovo partito raccogliendo appunto i cocci del centro-destra che era stato fatto fuori dal pool di magistrati di “mani pulite” e dalla loro azione persecutoria. La cosa fu vista di buon occhio da una parte della popolazione preoccupata dell’egemonia culturale della sinistra, considerato che ormai si era arrivati al punto che se uno non si professava di sinistra non aveva vita facile. Il nuovo partito si chiamò Forza Italia, e l’imprenditore fece dei bei discorsi di libertà. Bene.

Negli anni quel partito ebbe dei bei successi. Li ebbe quando il popolo pensava che in politica si dovessero confrontare le ideologie, i principi, i valori. Piano piano, fin troppo piano, però, si cominciò a capire che i comizi dell’una parte politica, nonché dell’altra, erano solo del mero fumo negli occhi buono solo a raccattare voti, perché l’interesse vero da parte dei politici in pratica era solo quello di vivere sulle spalle dei cittadini ricavandone il maggior profitto per sé e per i propri amici conniventi col sistema.

vent'anni dopo

vent’anni dopo

In Forza Italia, poi Pdl, in particolare, si manifestò un peccato originale: il fondatore – diventato nel tempo anche padre-padrone del partito, e circondatosi di cortigiani ruffiani e interessati in un ambiente di nani e ballerine (ogni riferimento a figure realmente esistenti è casuale) – divenne troppo interessato a sfruttare la politica per i propri interessi d’imprenditore, che come tale non è scevro dal possedere qualche scheletro piccolino o grosso e dal conservarlo nell’armadio. La gente cominciò a capire il giochetto e a capire definitivamente che in Italia non si poteva più parlare di buona politica, ma solo di “mangiatoia” del mangia tu che mangio io. Il Pdl iniziò a perdere dei pezzi e arrivò ad avere minimi risultati facendo sempre finta, comunque, di essere un partito vincente. Ma mentre uno se la può suonare e cantare a proprio piacimento, è più difficile cantare e suonare agli altri qualcosa che non è credibile.

Succede quindi che per recuperare consensi si fa retromarcia e si ritorna a riproporre la stessa Forza Italia del 1994 che aveva illuso molta gente, ma appunto la gente, ha già visto dal 1994 ad oggi l’evoluzione che ha avuto quel partito e non può ricaderci. Sarebbe come rivivere una brutta storia già vista, una storia di nani, ballerine, cortigiane e puttane, brutti personaggi del tipo dei Lavitola, Dell’Utri, Mangano, Previti, etc…

Per questo Forza Italia vent’anni dopo non può funzionare se non con pochi malati terminali di berlusconite. Non tutte le ciambelle riescono col buco.. e soprattutto l’autore di “Forza Italia vent’anni dopo” non si chiama Alexandre Dumas.

IL CRONISTA

Forza Italia vent’anni dopo, ma l’autore non è Dumas

 

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Forza Italia vent’anni dopo, ma l’autore non è Dumas

  1. Antonella scrive:

    Sei troppo Forte!! 🙂

  2. IL CRONISTA scrive:

    Grazie Antone’, obrigado 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*