In democrazia ognuno può dire la sua, ciò non toglie che …

democraziaDa sempre penso al funzionamento della democrazia e se davvero questa è il sistema più valido per far funzionare la società. E’ difficile però far riflettere gli altri su questo argomento, perché tutti alla domanda se ci possa essere qualcosa di meglio della democrazia rispondono a priori di no. Mai sia che a qualcuno lo possa sfiorare il dubbio che si sia antidemocratici. No! Evviva, quindi, la democrazia, a prescindere.

Il ragionamento che ti dovrebbe tappare la bocca su questo argomento è il classico: “Ognuno deve poter dire la sua, e farla valere”, più che giusto, per carità! Ma più che giusto fino a un certo punto. Perché questa cosa che ognuno può e deve dire la sua si frantuma se poco poco uno si mette a riflettere che la società è anche piena di delinquenti, di truffatori, di ladri, etc…  che desiderano ardentemente riempirsi le tasche a discapito della comunità, e il fatto che tutti i gruppi politici che si sono riempiti le tasche e ci hanno portato alla rovina possano dire la loro opinione è quantomeno dubbio, o no?

Ne deriva che è vero che in democrazia ognuno può dire la sua, ciò non toglie che non possiamo non considerare che in natura esistono anche i disonesti, e questi, quando dimostrati (penalmente o anche solo pragmaticamente – e in Italia non abbiamo bisogno di altre prove)  i disastri che hanno fatto (nel senso che 2 + 2 = 4), devono starsene semplicemente zitti. E bon!

IL CRONISTA

In democrazia ognuno può dire la sua, ciò non toglie che …

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a In democrazia ognuno può dire la sua, ciò non toglie che …

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Più che giusto.

    Aggiungerei che il concetto che in democrazia ognuno “dovrebbe essere libero di dire la sua e farla valere” deve necessariamente accompagnarsi al concetto che ci deve essere parità di informazione per tutti, se nò non c’è democrazia. Chi controlla i media informa i cittadini come gli fa comodo e conseguentemente li controlla: fa pensare agli altri quello che vuole lui.

    Siccome sappiamo come funziona, possiamo tranquillamente affermare che la democrazia in Italia non esiste.
    Chi lo nega lo fa per convenienza o perchè è un coglione senza speranza.

  2. IL CRONISTA scrive:

    Ciao Gert, verissimo, e in molti abbiamo aperto gli occhi, sia pur dopo che per decenni abbiamo creduto alle stronzate che ci propinavano. O perlomeno non credevamo che la cosa fosse sporca fino a questo punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*