Renzi fa l’aumento in busta a elettori Pd

busta-paga

(Questo articolo si può ascoltare su YouTube)

A parte il fatto che il problema non è tanto avere ottanta euro in più in busta paga, quando con l’operazione euro ti hanno ridotto lo stipendio del 50%, diGiamo. si può comunque dire che in tempi di bisogno ottanta euro sono sempre meglio di un calcio nel sedere, specialmente dopo che oltre allo stipendio dimezzato si è stati tartassati da qualsiasi altra cosa fosse in grado di tartassarci, tanto che io in persona che facevo conto dal 1° gennaio su un modestissimo aumento Istat alla mia modestissima pensione mi sono ritrovato invece con una diminuzione mensile di €. 24 “giustificata”, mi hanno risposto, con l’aumento dell’Irpef.

Ma a questo punto voi direte: ma allora dovresti davvero essere contento di questa tanto strombazzata riduzione del cuneo fiscale che porta questo aumento nelle buste paga dei dipendenti, in quanto in qualche modo ti ripaga, seppur in minima parte.

Ed è qui che casca l’asino. Avete detto bene dicendo “aumento in busta paga”, infatti, a me che hanno tolto €. 24 al mese dalla pensione, non saranno dati gli ottanta euro perché la pensione non mi arriva in busta paga. Cioè un lavoratore dopo 35/40 anni di lavoro nei quali gli sono state fatte tutte le trattenute che hanno voluto insindacabilmente, una volta in pensione scopre che la sua retribuzione mensile –  che si era messo da parte in quarant’anni di lavoro per questi anni di vecchiaia versandola obbligatoriamente all’Inps – non si chiama più busta paga e comunque, questa, non ha più titolo per beneficiare di un piccolo vantaggio di cui beneficiano invece gli altri che, se vogliamo dirla tutta, non hanno ancora versato i contributi per quarant’anni, come hanno fatto i pensionati.

Ma non basta, l’asino casca ancora, perché neppure i co.co.co o come si chiamino.. forse qui.pro.quo, percepiscono vere buste paga, e manco a dirlo neppure le partite iva, e nemmeno gli artigiani… Figuriamoci quelli che sono stati esodati con un calcio in culo e due pesci in faccia.

Allora chi beneficerà di questi famosi ottanta euro offerti così generosamente dal presidente del consiglio Renzi? Semplice: quelli che in qualche modo già si portano a casa mensilmente qualcosa… quelli che hanno una “busta paga” sicura, per quanto possa essere sicuro qualcosa oggi. Quelli che in fondo stanno bene così, con questo regime clientelare. Potenzialmente quelli che votano per il Partito Democratico.

IL CRONISTA

Renzi fa l’aumento in busta a elettori Pd

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Renzi fa l’aumento in busta a elettori Pd

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Anche io ho avuto subito l’impressione che fosse una manovra elettoralistica, e pensavo che avesse ragionato più o meno così:
    – i pensionati belli intruppati dai sindacati ormai, qualunque cosa si faccia, ci voteranno sempre. Perciò di loro ce ne fottiamo;
    – le partite IVA ormai ci conoscono e sanno che li odiamo. Qualunque cosa facciamo non serve, ormai non ci votano più. Fottiamocene anche di loro;
    – chi è che comincia a svegliarsi? i dipendenti? Porca eva, non possiamo perdere anche loro. Dobbiamo impedire che si sentano fottuti come gli altri, anzi: ho un’idea. Diamo loro dei soldi, così pensano che li coccoliamo e li privilegiamo rispetto agli altri.

    E fu così che, cercando di fare scatenare una guerra fra poveri, Renzi diede 80 euro al mese solo ai dipendenti. Aumentando il debito pubblico che pensionati e partite iva sarebbero stati poi chiamati a ripagare. Ma che bravo!

  2. IL CRONISTA scrive:

    Il tuo ragionamento, caro Gert, è lo stesso che ho fatto io, e anche mister Renzie. Certo facendo i suoi conti non ha pensato agli esodati etc.

  3. Gert dal Pozzo scrive:

    Ma dai… azzo gliene frega degli esodati?
    I voti degli esodati ormai non li piglia più. Quelli sono troppo incazzati e si ricorderanno per sempre che la Fornero era retta dal pd fino alla fine. Renzi può sperare solo che gli esodati si estinguano prima delle prossime elezioni. Nel frattempo su quello che consumano pagano l’iva e se hanno una casa pagano tutte le tasse conseguenti al fatto che che sono dei biechi ricconi.

    E poi… 10 milioni di dipendenti diranno cose tipo “renzi ci pensa e ci tutela più degli esodati…” vuoi mettere quanto rende l’operazione elettorale?

    Bravo renzi, proprio bravo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*