Art. 18. I lavoratori sono antropologicamente inferiori

renzi-art18

(Video Youtube)

Ci ha provato Sacconi, l’ha già modificato la Fornero, ci riprova la sinistra di Renzi – facendo uno sporco lavoro di destra (la destra del caxxo che abbiamo adesso in Italia, quella che considera i lavoratori una sottospecie antropologica che serve solo ad ingrassare i padroni) – con tutte le scuse possibili e immaginabili anche al di là del lecito e della stupidità umana, ma il gelataio più che un umano è un fumetto, una gag.

Ecco qua una sfilza di scuse:

– Intanto già non riguarda tutti i lavoratori.

– Gli stranieri non fanno investimenti da noi a causa dell’Art. 18.

– L’Art. 18 è un privilegio di pochi che crea cittadini di serie A e di serie B.

– Toglieremo l’Art. 18 in cambio di tutele crescenti.

e via di questo passo.

Allora, mettiamo un po’ di puntini sulle “i”.

E’ vero, non riguarda tutti i lavoratori, ma è la garanzia di non potere essere licenziati per capricci o antipatie del datore di lavoro, ma solo per giusta causa. La scusa che un datore di lavoro si deve tenere un lavoratore anche se non ha più lavoro da fargli fare non regge, perché il lavoro per un’impresa è vitale, l’unica ragione dell’esistenza dell’impresa stessa. Quindi la mancanza di lavoro per un’impresa è una giusta causa per la quale il lavoratore può essere licenziato e a rigor di logica non c’è giudice che possa far reintegrare un lavoratore licenziato in un’impresa che dimostri di non avere più lavoro sufficiente. Poscia, la libertà di licenziamento a capriccio del datore di lavoro è una cosa incivile e l’Art. 18 dovrebbe essere esteso a tutti.

Gli stranieri non fanno investimenti in Italia a causa dell’Art. 18? Ovvero, se gli Italiani non si fanno trattare da schiavi non vengono ad investire in Italia? Nooo! Gli stranieri non investono in Italia, perché c’è la mafia, c’è la camorra, c’è la ‘ndrangheta, ci sono i casalesi, ci sono i magistrati che fanno 45 giorni di ferie e  i giorni rimanenti possono decidere se lavorarseli a casa invece che presentarsi in ufficio; che giudicano a seconda del piede con cui scendono dal letto il mattino e che se hanno appena scoperto che la moglie li cornifica si vendicano col primo cittadino che è andato a chiedere loro aiuto; non vengono in Italia perché in Italia c’è la corruzione che copre il 60% del totale della corruzione europea. Non vengono perché l’Italia è un Paese di furbi, furbastri e furbetti.

Tutele crescenti? Cioè togliere le tutele essenziali acquisite per ricominciare daccapo?

E’ proprio vero che ci considerate antropologicamente inferiori, carne da macello, ma qualcuno sta oliando i semplici meccanismi delle ghigliottine.

Art. 18. I lavoratori sono antropologicamente inferiori

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*