Conduttori talkshow, politici, sòle, Luca Sofri

gaetano-videocamera

Conduttori talkshow, politici, sòle, Luca Sofri

Mi è capitato qualche volta di incrociarmi con Luca Sofri su Twitter per le belinate che scrive su quel Social. Roba che nemmeno un grillino di quelli più idolatri (perché i sostenitori dei cinque stelle si distinguono in autonomi che usano il cervello e votano il movimento riconoscendogli di essere unico movimento contro il sistema, e grillini idolatri che non si distinguono dai piddini in quanto a faziosità e idolatria verso il loro simbolo o leader).

Ieri sera il Sofri piccolo – che tra parentesi è giornalista di se stesso conducendo il suo blog – ospite della trasmissione di Giovanni Floris diMartedì – ha dato il meglio di se stesso contro Matteo Salvini. Era una continua interruzione nei confronti di quest’ultimo con, peraltro, un’arroganza, che nemmeno un Battista, per dire, o un De Bortoli o un Mieli si potrebbero permettere. Il clou l’ha raggiunto quando Salvini ha citato un’intervista a Renzi nella quale, quest’ultimo, rispondendo a una domanda di un giornalista sull’eventuale “bombardamento” dei barconi sulle coste della Libia, ha risposto più o meno: “E’ una cosa che stiamo valutando”, la sostanza della risposta era questa. Al che Il Sofrino s’è impuntato come un asino stanco e ha detto che il suo premier non avrebbe mai detto una cosa simile e che quelle cose le dice solo la Lega, tanto che il Floris ha dovuto cercare la frase originale e leggerla in studio, e questa corrispondeva a quanto detto da Salvini. Il Sofri per salvarsi in calcio d’angolo, ha subito rivoltato la frittata dicendo “Aaah! Ma non ha detto come hai detto tu che si devono bombardare i barconi con la gente dentro!”. Cioè, colto in fallo sul bombardamento dei barconi, sul quale il suo premier ha detto che lui e i suoi ministri stanno valutando con gli esperti, ha cambiato l’accusa, dall’aver tacciato Salvini di essere bugiardo, a dirgli che comunque Renzi non aveva detto di bombardare i barconi con i migranti dentro, cosa che peraltro non ha mai detto neppure Salvini. E tutto questo avviene senza che il conduttore intervenga per dire che mistificare va bene, nel senso che i politici lo fanno sempre, ma a un certo punto bisogna riconoscere la sconfitta.

Un conduttore come si deve una mistificazione così eclatante avrebbe dovuto sottolinearla, suggerendo all’ospite che non si può andare oltre un certo limite. Ma i talk-show sono così. per questo sta finendo l’epoca di questi spettacoli indecorosi.

Gaetano Rizza

Autore del libro NATO NEGLI ANNI CINQUANTA

Trailer libro Nato negli anni Cinquanta

scegli-carrello

Il romanzo Nato negli anni Cinquanta  di Gaetano Rizza è in vendita qui: laFeltrinelli,  Amazon.it LibreriaUniversitaria, Mondadori StoreIbs.it, HOEPLI.it e in tutte le librerie online. Il libro potrà essere ordinato anche presso migliaia di librerie fisiche in tutta Italia e le librerie stesse potranno tenerlo in libreria ordinandolo a Youcanprint o a Fastbook.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*