La Fornero: rifarei olocausto anziani

monti-fornero1La Fornero, ormai quasi ospite d’onore fissa della trasmissione di Floris di martedì, di volta in volta – vista l’opportunità offertale – prende più coraggio nel difendere l’olocausto degli anziani da lei stessa compiuto sotto l’egida del governo Monti. Ieri sera, infatti, ha ribadito che, quello che ha fatto, lo ha fatto per spirito di servizio. Insomma per far quadrare i conti dell’Italia doveva pur sacrificare immediatamente qualche centinaio di migliaia di italiani (lasciandoli senza stipendi né pensioni) e sacrificare anche tutti gli altri rendendoci la nazione che va in pensione con l’età più alta. Uno spirito di servizio che mi ricorda lo stesso spirito di servizio di Josef Mengele e altri suoi colleghi quando aiutarono Hitler nella sua idea di patria.
Ha continuato in questa sua opera di auto-santificazione alla Giovanna D’Arco prendendosela, tra tutto il panorama partitocratico italiano, esclusivamente con Matteo Salvini, l’unico personaggio politico negativo, a detta sua.
Non è poi così difficile l’accostamento di questa sua critica al personaggio col fatto che pare che questo ormai sia l’unico a cantargliele a ogni piè spinto. Gli altri, ormai, parrebbero aver digerito, assimilato e metabolizzato l’olocausto degli anziani da lei perpetrato. O perlomeno non ne parlano più.
Ma in una delle sue “apparizioni” (come la Madonna) di qualche mese fa, sempre nella stessa trasmissione dell’ossequiante Floris, non aveva annunciato di essere stata “assunta” per “chiamata” in una università di New York la quale voleva insegnare agli americani, tramite la sua esperienza, come si fanno quadrare i conti?
Se ne sono già pentiti? Ce l’hanno già rispedita indietro? Tanto c’è chi vuole fare del revisionismo anche per lei?

La Fornero: rifarei olocausto anziani

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*