Giornata a Milano dal concessionario moto Hyosung

Raga, appena tornato da Milano, stamattina alle 10:30 ero già davanti alla concessionaria. Ma era chiuso! Chiesto ai negozi vicini: apre ore 14:30. Fatto giro per Milano ma non trovato milanesi, ora milanesi sono tutti cinesi 😉
Andato Honda per vedere una bella esposizione, che non trovo in concessionarie Genova. Pomeriggio 14:30 tornato concessionario. La moto mi è piaciuta al primo colpo, direi che è stato amore a prima vista. L’avrei quesi presa, meno male che poi è arrivata altra gente e ho detto al concessionario di servire pure gli altri mentre io me la pensavo un po’.
Poi mi sono rifatto avanti e gli ho chiesto prezzo su strada e valore permuta mio trecentino e sono tornato a Genova pensando che mi piacerebbe, ma questo tipo di moto non ha un minimo di riparo per la pioggia, sei a gambe scoperte. Se ci metti un parabrezza, un bauletto, delle borse laterali, il gioco vale la candela?
E’ leggerissima, un sogno… esteticamente per me bellissima… ma non vorrei fosse un capriccio e basta.
Grazie per tutti i consigli, ma nei giorni scorsi ho guardaato un po’ le recensioni sulla moto e ho trovato che chi ha avuto il coraggio di acquistarla alla fine è rimasto soddisfatto. Tenete presente che io ormai sono anni che viaggio su auto coreane. Le altre (quelle occidentali) non me le VOGLIO più permettere, e ribadisco il verbo VOLERE.
La cilindrata… 250… è quella che è, viaggi se ne possono fare, ma… mille km in un giorno è dura 🙁
Esperienza col Kymco 300 col quale oggi ho fatto 300 km Milano andata e ritorno: pensavo di dover andare sui 100/120 km/h, invece lui si metteva ai 130/140 senza soffrire, quindi poi mollavo un po’ l’acceleratore… però a quelle velocità è una noia andare in autostrada perché capisci che non hai più cavalli sotto il sedere. Con l’Honda era un’altra cosa… naturalmente. Un po’ di piacere l’ho provato al ritorno nella Serravalle-Genova, tutta curve, velocità 80/100.
Ci penserò un po’….

Note di costume:

Da Milano a Serravalle, rettilinei, un gruppo di bei motociclisti fighi da rettilineo con tanto di zavorrine incorporate e cassapanche laterali argentate mi ha superato in scioltezza. Me li sono ritrovati tutti da Serravalle in poi… Finiti i rettilinei finito il manico… 😉

Posto un paio di foto dell’Aquila… nel frattempo me la penso un po’.
Certo che 150 kg sono un sogno… 😉

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*